Contattaci

Chiamaci o compila il modulo sottostante e ti contatteremo entro 24 ore lavorative.

Informatica

Scegliere il Fornitore ideale per la propria azienda tra vendor e Big Tech

Modelli di collaborazione alternativi per costruire un percorso di crescita flessibile

Nel panorama tecnologico odierno, le aziende devono affrontare la sfida di scegliere tra vendor tradizionali e grandi colossi tecnologici. Le piccole e medie imprese (PMI) devono capire come selezionare i fornitori più adatti alle loro esigenze e come farsi ascoltare dalle grandi aziende tecnologiche.

Fornitore o Partner: Qual è la Differenza?

Un buon fornitore dovrebbe essere più di un semplice venditore di servizi, trasformandosi in un partner nella trasformazione digitale dell'azienda. È cruciale che il fornitore sia flessibile, capace di adattarsi alle esigenze di crescita e cambiamento dell'impresa. Contratti troppo rigidi possono limitare l'agilità dell'IT nel supportare il business, rendendo importante trovare un equilibrio tra stabilità e flessibilità.

Per le PMI, dove i team IT sono spesso ridotti, la scelta del fornitore diventa ancora più critica. Un partner affidabile può inserirsi come una risorsa interna per operare compiti strategici, collaborando strettamente con l'azienda per raggiungere obiettivi comuni. È essenziale mantenere un equilibrio tra il supporto fornito dal partner e il controllo strategico interno, assicurando che le decisioni chiave vengano prese in collaborazione con il partner e non in un regime di dipendenza. Un buon partner, infatti, non limita l'agilità aziendale ma la potenzia, contribuendo al successo condiviso.

La Sfida delle Big Tech

Collaborare con le grandi aziende tecnologiche presenta ulteriori sfide, soprattutto nella gestione dei costi e nella flessibilità operativa. Le PMI spesso subappaltano aspetti tecnici complessi, come la gestione del cloud, ma devono fare attenzione a non cadere nella trappola del vendor lock-in. Questo fenomeno porta a una dipendenza eccessiva dalle tecnologie del fornitore, riducendo la capacità dell'azienda di innovare in modo indipendente.

Quando un'azienda si affida pesantemente a un singolo fornitore per servizi cruciali come il cloud, diventa difficile cambiare fornitore senza incorrere in costi elevati e interruzioni operative. Questo lock-in tecnologico può limitare la capacità dell'azienda di adottare nuove tecnologie o di rispondere rapidamente ai cambiamenti del mercato. Le PMI devono quindi valutare attentamente le implicazioni a lungo termine dei loro contratti con i fornitori e considerare l'adozione di strategie multi-cloud o soluzioni ibride per mantenere una certa flessibilità.

Nuovi Modelli di Collaborazione

In risposta a queste sfide, molte imprese stanno esplorando nuovi modelli di collaborazione. La fiducia nei vendor tradizionali è in calo, mentre cresce l'interesse per le startup e i centri di ricerca, che offrono approcci più flessibili e innovativi. Queste collaborazioni permettono alle aziende di adattarsi più rapidamente ai cambiamenti del mercato, evitando il rischio del lock-in tecnologico.

La scelta tra vendor e partner dipende quindi dalla capacità del fornitore di adattarsi alle esigenze dell'azienda e dal mantenimento del controllo strategico interno. Le PMI devono bilanciare la necessità di competenze esterne con lo sviluppo di competenze interne, optando per fornitori che possano davvero diventare partner nel percorso di crescita e innovazione.

3 Luglio 2024